Privacy Policy
Copertina di Linus Linus van Pelt e la sua copertina.

Quanti di voi hanno avuto la famosa copertina di Linus? Che sia stata una vera e propria copertina, un orsacchiotto di pezza, una bambola… quell’oggetto insostituibile che quasi tutti i bambini scelgono in maniera del tutto naturale come oggetto consolatorio per superare le paure e il senso di abbandono.

La nostra copertina di Linus ci faceva sentire al sicuro e non a caso dovevamo assolutamente averlo con noi nel momento della nanna o in quelli di distacco dalla mamma.

La copertina di Linus  infatti non è altro che un oggetto transizionale – secondo la teoria dello psichiatra Donald Winnicott – che aiuta il bimbo nel momento del distacco con la madre per andare verso l’autonomia.

Che fosse un peluche, una maglietta, una sciarpa… doveva e deve essere morbido e rassicurante. Ogni bambino sceglie il suo in maniera totalmente autonoma, ma mamme e papà – soprattuto le mamme! – durante la gravidanza tendono ad acquistare vari pupazzetti tra i quali secondo loro si nasconde la copertina di Linus del loro piccolo in arrivo! Scelta che è dettata solo dall’istinto del bambino, istinto che lo porta verso quell’oggetto che “sa di mamma”.

Oggi questo oggetto prende il nome di dou-dou, termine francese che sta ad indicare quel pupazzetto morbido che viene messo nella culla del neonato dopo che la mamma lo ha tenuto a contatto con la sua pelle durante la gravidanza per fargli acquisire il suo odore e accompagnare il piccolo sin dai primi momenti di vita.

Il dou-dou è un oggetto morbido, privo di cuciture, adatto proprio ai più piccoli. In genere è una sorta di copertina al centro della quale si trova una testolina di stoffa, sempre in materiali morbidi e naturali. Deve essere facilmente afferrabile dalle manine del bimbo e in Francia (da qui il termine francese) sembra essere una vera e propria istituzione fino quasi ad essere simbolo del legame con la famiglia.

In comDouDou Io Nascere Mammamercio ne esistono moltissimi, di forme e colori diversi; per maschietti e femminucce… c’è l’imbarazzo della scelta.
Sono morbidi e danno proprio l’idea di neonato che non ci si può non innamorare al primo sguardo.

Il mio piccolo nascerà fra 20 giorni (secondo il termine della gravidanza!) e ne ha già 3: tutti diversi e tutti regalati da persone diverse.
Uno l’ho espressamente chiesto: ho voluto che fosse mia mamma a regalarmelo ed è l’unico che tengo nel letto per trasferirgli il mio odore. Sarà quello che mi porterò in ospedale e sarà quindi il primo che avrà nella culla.

Sembra quasi essere il mio dou-dou, più che di mio figlio! 😀
Ma mi piaceva l’idea che poteva rappresentare un legame anche con la nonna! Speriamo solo che lo accetti!

DouDou Nanan - Io Nascere Mamma DouDou by Nanan (il prediletto!)

E voi? Durante la gravidanza ne avete acquistati o ve li hanno regalati? Hanno avuto questo effetto calmante sui vostri figli o sono solo teorie?

Aspetto di conoscere le vostre esperienze! (e non vi dimenticate di iscrivervi alla NewsLetter!)


4 commenti

Miriam · 13 Ottobre 2018 alle 17:32

Bellissimo questo doudou nanan! Mio figlio l’ha “scelto da solo” a 3 mesi circa…l’ho ha afferrato nel disney store!

    ionasceremamma · 13 Ottobre 2018 alle 17:39

    Ahahahahah!!! Bravo!!! 🙂

Martina · 14 Ottobre 2018 alle 20:49

A noi ne sono arrivati diversi ma Gabri non li ha mai cercati… tuttora non ama tantissimo i peluche, chissà se prima o poi cambierà!

Cuoredimammamanu · 19 Ottobre 2018 alle 20:11

Spero che nel tuo caso ti sia di grande aiuto, io dormivo con 3 Doudou ma neanche uno che fosse il suo preferito.
Sono sempre stata io la sua copertina di Linus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *